Blog

Quanto si risparmia con un’auto ibrida o elettrica?

Quanto si può risparmiare con un’auto ibrida? Quali sono i vantaggi delle auto elettriche? Ecoverso ha realizzato un’analisi che risponde alle tante domande di chi vuole passare ad un mezzo a basso impatto ambientale ma è frenato da alcuni dubbi o falsi miti. Prendendo in considerazione diversi parametri che influiscono sui costi gestione dell’auto (carburante, manutenzione, bollo, assicurazione, ZTL e parcheggi), siamo stati in grado di calcolare le spese complessive di mantenimento nel breve e medio periodo di auto ibride, elettriche e le abbiamo confrontate con quelle di un’auto a motore termico tradizionale.

I risultati: i veri vantaggi dell’ibrido e dell’elettrico

Cominciamo con una questione importante per Ecoverso e per tutti coloro che sono sensibili alla sostenibilità: le emissioni di CO2 di un’auto a benzina o diesel sono pari a circa 120 g/km, che diminuiscono sensibilmente a 80 g/km nel caso di un’auto ibrida. Discorso diverso per le elettriche che emettono 0 g/km di CO2, per questo motivo sono chiamate anche auto a “emissioni zero”.

Concentrando l’analisi sui costi di gestione abbiamo potuto evidenziare, anche in questo caso, dei vantaggi a favore delle ibride e delle elettriche. Con una percorrenza media di 15.000 km all’anno per il carburante di un’auto diesel o benzina all’anno si pagano circa 1.400 euro, che scendono a 960 € nel caso di un’ibrida (-33%) per poi scendere ulteriormente a 555 € nel caso di un’elettrica (-62%).

Esistono delle notevoli differenze anche nell’ammontare delle spese di manutenzione: quelle di un’auto ibrida costano annualmente circa un terzo in meno rispetto ad un’auto benzina o diesel (200 € contro 300 €). La manutenzione delle auto elettriche costa ancora meno (circa 100 €). Ancora, se l’assicurazione di un veicolo tradizionale costa annualmente circa 600 euro, questi diventano 400 nel caso di un’auto ibrida (-33%) e 200 nel caso di un’elettrica (-67%).

E poi ogni anno ci sono le spese per il bollo, i parcheggi e gli accessi ZTL che per un’auto a motore termico ammontano rispettivamente a circa 200€ e 500€ e ammontano a zero per auto ibride ed elettriche.

Auto Ibride ed elettriche: il risparmio nell’immediato e nel medio periodo

Stando ai risultati della nostra analisi, i costi complessivi delle spese di gestione nel brevissimo periodo, ovvero il primo anno (o 15.000 km), ammontano a circa 1560 euro un’auto ibrida, ovvero il 44% in meno rispetto ad un veicolo benzina o diesel (3040 euro). La cifra scende addirittura a 850 euro per un veicolo elettrico (-69%).

Nel medio periodo, ovvero 3 anni o 45.000 km, con un’auto ibrida si possono risparmiare circa 4440 euro, rispetto ad una termica tradizionale. I costi complessivi nel triennio per un’ibrida ammontano infatti a 4680 euro contro i  9120 euro necessari per una diesel o benzina.  Il risparmio è ancora più grande con un’elettrica, ben 6570 euro! Per “mantenere” una full electric infatti occorrono circa 2550 euro.

I numeri in chiaro

Nella seguente tabella indichiamo tutti i numeri (realistici) su cui abbiamo basato le nostre stime:

 

100 ibride, un aereo di CO2 in meno

La maggiore sostenibilità di auto ibride ed elettriche non è solamente di tipo economico, ma anche (e soprattutto) di tipo ambientale. Al volante di un’ibrida si emettono in un anno circa 600 kg in meno di CO2 rispetto ad un’auto tradizionale (1200 kg contro 1800 kg). Pensiamo quindi su piccolissima scala: se solamente 100 persone guidassero un’ibrida invece che un’auto diesel (o benzina) si potrebbero “risparmiare” ben 60 tonnellate di CO2 in un anno. Che, per fare un esempio visivo, equivalgono al peso di un’aereo di linea di medie dimensioni come il Boeing 737, l’aereo che utilizza Ryanair per intenderci.

Se le stesse 100 persone guidassero un’elettrica si risparmierebbero ben 180 tonnellate di CO2, che se vogliamo immaginarli anche qui in forma concreta, equivalgono al peso di due aerei a pieno carico e un autobus di linea.

Per concludere

Come abbiamo potuto notare le auto a minore impatto ambientale rappresentano la scelta più economicamente valida, oltre che sostenibile, se si vuole cambiare un auto oggi. Malgrado i costi siano in alcuni casi più alti rispetto alle controparti termiche tradizionali, gli stessi possono essere facilmente ammortizzati già nel primo anno di utilizzo. Inoltre, tali costi iniziali, possono essere ulteriormente abbassati grazie agli eventuali ecoincentivi e ai Gruppi d’Acquisto Ecoverso (se ancora non li conosci dai un’occhiata qui).

A voi la scelta

  • Condividi l'articolo:
1 Commenti
Aggiungi un commento
Avatar for Alkè
Alkè

È proprio vero che scegliere di guidare un veicolo elettrico non permette solo di salvaguardare l’ambiente, ma permette anche di salvaguardare il proprio conto corrente. Infatti, i costi di mantenimento sono notevolmente minori rispetto a quelli di una classica vettura termica, poiché non necessita di parte della manutenzione ordinaria. Inoltre, l’alimentazione totalmente elettrica permette di ridurre le spese di rifornimento: si può risparmiare fino a tre quarti della spesa che si avrebbe per alimentare un motore termico. L’argomento dei consumi è sempre molto sentito e dibattuto: informare la popolazione riguardo al notevole risparmio che si può ottenere attraverso l’utilizzo di un veicolo ibrido può aiutare ad incentivare all’acquisto anche i più dubbiosi sull’argomento.

Rispondi
2 luglio 2021 - 13:11
Commenta

Gli articoli del nostro Blog

vai al blog

Ecoverso e Banca Etica: storia di una lunga collaborazione

Ecoverso ha da sempre il conto corrente dell’associazione prezzo Banca Etica e da poco abbiamo aggiunto per i nostri associati il servizio plus Ecoverso Finance, che da diritto ai finanziamenti a tassi agevolati. Abbiamo chiesto a Glenda Spiller dell’ufficio comunicazione di Banca Etica, di spiegarceli nel dettaglio.

Promuovere la mobilità sostenibile: il caso del Politecnico di Milano

Dal 2019 ogni anno il Politecnico di Milano ospita al proprio interno i corsi della Ecoverso Hybrid ed Electric Academy, riservati a personale, docenti, ricercatori e studenti.

Abbiamo chiesto ad Eleonora Perotto, mobility manager e capo del Servizio Sostenibilità di Ateneo e a Giada Messori, referente mobility management all’interno del Servizio Sostenibilità, come il Politecnico promuove la mobilità sostenibile e quali pensano possano essere gli scenari futuri.

Ecoverso R-Ace 15 – Ancona – 2 ottobre 2022

E’ bello sapere di non essere soli nella missione di diffondere la mobilità sostenibile.

L’1 e 2 ottobre la Ecoverso R-Ace sarà ad Ancona dagli amici di MaSMo, col giro ibrido/elettrico del Conero!

Un parcheggio per il tuo viaggio

Estate, tempo di vacanze…

Quando viaggiamo per piacere o per lavoro, alle nostre amate auto ibride/elettriche potremmo preferire l’aereo, il treno o la nave.

In questi casi, alcuni di noi chiedono a un amico o a un parente di accompagnarli, mentre altri si appoggiano ai servizi dei parcheggi a lungo termine come quelli che ParkinGO offre agli associati Ecoverso.

A tal proposito abbiamo intervistato Silvio Cavallo, responsabile della comunicazione di ParkinGO.

Renault Megane E-Tech, Electric e Plug-In Hybrid: autonomia, consumi, ecoincentivi

La Renault Megane si rinnova, anche negli allestimenti. Conosciamo insieme le versioni E-Tech Plug-In Hybrid e E-Tech Electric, entrambe disponibili all’acquisto tramite i Gruppi d’Acquisto Ecoverso.