Blog

Intervista a Matteo Valenza

Ha oltre 100 mila iscritti su YouTube. Possiede una Tesla Model 3. Recensisce, prova e valuta le auto elettriche con ironia e obiettività. Produce dei video di divulgazione sul mondo delle EV…Ed ha partecipato alla Ecoverso R-Ace 13 a Padova…A bordo di una Mustang Mach-E!

E’ Matteo Valenza.

Nella nostra intervista abbiamo parlato delle sue impressioni sulla R-Ace e ci siamo fatti dare qualche utile consiglio sulle auto elettriche.

Hai partecipato alla Ecoverso R-Ace 13 di Padova, quali sono le tue impressioni e sensazioni sulla tua performance?

Credevo che la gara fosse molto più semplice, in realtà si è rivelata abbastanza complessa perché il tragitto è stato ben organizzato. C’erano diverse salite, qualche piccola discesa, percorsi urbani, e alcuni tratti dove si poteva anche andare un pochino di più, sui 50-60 all’ora. Con l’auto che avevo è stato però molto molto difficile ottenere un buon risultato. Diciamo che la prossima volta mi doterò di un auto che consuma un pochino meno perché la Mach-E è abbastanza energivora.

Detto questo, la gara è stata super super ben organizzata, anche il “cosa fare” nei tempi morti era ben organizzato. Tante le persone che ci hanno aiutato e seguito fin dall’inizio, dal parcheggio al montaggio del sistema di telecontrollo. Certo sulla mia EV non lo avete montato ma comunque siete venuti a leggere e prendere nota di quali fossero le indicazioni che dava il computer di bordo dell’auto. Ripeto organizzazione impeccabile, si vede che è un po’ di tempo che lo fate e si vede che non siete gli ultimi arrivati.

Hai gareggiato a bordo di una Mustang Mach-E e non con la tua mitica Tesla Model 3. Quali sono state le maggiori differenze in termini di guida e consumi rispetto alla tua EV?

Non è che cambi tantissimo rispetto alla mia Model 3. Io comunque ho una Model 3 un po’ datata, del 2019, senza la pompa di calore, Performance, quindi energivora per definizione, cerchi grandi, ruote grandi. Quindi chiaramente non è che sia fatta per solcare le strade con molta efficienza, tutt’altro. Però se l’avessi utilizzata per la gara sicuramente avrei avuto dei risultati diversi e più bassi sicuramente, non esageratamente bassi, ma più bassi. Mustang Mach-E invece è un bisonte, è molto pesante, è molto performante. In termini di prestazioni quindi ci siamo, in termini di efficienza di motori e batterie no, assolutamente no. Poi certo le differenze sono abissali tra le due auto. Una è una berlina sportiva, l’altra invece è praticamente un SUV, una cross utility, anch’essa sportivetta con buone performance ma non ci siamo a livello di batterie e motori.

Come abbiamo potuto vedere nel tuo video dedicato all’evento, hai completato il percorso con un Copilota d’eccezione, Leonardo Spacone, ed insieme avete utilizzato il sistema da lui creato Power Cruise Control. In che percentuale ritieni che questa tecnologia ti abbia aiutato a migliorare i tuoi consumi? E soprattutto la consiglieresti a chi ogni giorno guida un’auto elettrica?

Con Leonardo diciamo che siamo riusciti a ottimizzare al massimo l’utilizzo dell’auto. Il sistema Power Cruise Control è fondamentale, a parer mio, per chi ha una scarsa dimestichezza con le auto elettriche. Dire che a me non serve magari è esagerato, perché un occhio glielo butterei ogni tanto, ma ormai io “ci ho fatto il piede”, ormai so come devo comportarmi.

Insieme a lui abbiamo affinato entrambi le nostre tecniche di hypermiling come, ad esempio, frenare sempre moderatamente non solo alla fine, ma cominciare a rallentare molto prima, che vuol dire anche cominciare a vedere davanti a te i possibili ostacoli. Quando arrivi ad una rotonda, non arrivi e freni, ma cerchi di passare (se è possibile) senza assolutissimamente frenare. Importante poi anche anticipare le curve, anticipare gli stop, gli incroci e così via. Quando si fanno delle accelerazioni è bene farlo sempre con molta calma senza andare né troppo piano né troppo veloce. E’ anche utile, ad esempio, prendere la scia delle altre auto, insomma ci sono un po’ di cose da fare.

Poi, come dicevo, consiglierei sempre a tutti un sistema come Power Cruise Control perchè secondo me è un ottimo punto di partenza. Leonardo, come ho sempre detto, dovrebbe rivedere un po’ la grafica perché è molto da nerd e poco da marketing! L’usabilità dell’app è bassa però il risultato è molto molto alto, quindi sì, direi che non è che dovrebbero prenderlo e comprarlo tutti ma dovrebbero farlo direttamente le case produttrici. Nissan, ad esempio, potrebbe vendere la Leaf con la possibilità di avere per 2 anni l’opzione di installazione gratuita di Power Cruise Control. Oppure potrebbero comprare da Spacone il sistema e andare a integrarlo direttamente nell’Infotainment perché è veramente molto preciso.

Che consiglio ti sentiresti di dare a chi sta pensando di acquistare un veicolo elettrico ma è ancora indeciso?

Il consiglio che do sempre è quello di pensare con la propria testa. Guardatevi le recensioni, non siate troppo di parte, non siate “fanboy”, l’elettrico non è solo Tesla, assolutissimamente. Provatele, fatevi una lista in base al budget che volete spendere e poi state attenti magari anche a degli usati. Attualmente gli usati che ci sono in giro hanno quasi tutti un buono stato di batteria quindi a volte comprare un’auto nuova non è necessario. Potreste quindi cominciare con un’auto elettrica con qualche qualche anno, usata. Ma se ancora avete il punto di domanda, fate un altro tipo di transizione: acquistate una Plug-in e provate. Vedrete che vi divertirete sicuramente a cercare di non accendere mai il motore a benzina.

La cosa fondamentale per me rimane comunque quella di pensare con la propria testa e fare le proprie considerazioni, perché l’elettrico oggi non è per tutti. Chiaramente ognuno ha le sue aspettative su quello che vuole ottenere da un veicolo, ad esempio, alcuni vorrebbero fare un viaggio di 8-9 ore in autostrada senza fermarsi mai e con le auto elettriche non è possibile, non lo sarà mai. Quindi per queste persone magari non ne vale la pena e a volte far cambiare idea sull’elettrico a queste stesse persone è molto difficile…

Quindi provate con la vostra testa, pensate, fateci una ragionata. Servitevi di testate giornalistiche accreditate e di recensori indipendenti che valutano le auto senza dare troppo peso alla marca, in modo tale da non essere fuorviati da un giudizio che potrebbe essere “spinto da altri fini”…

Quindi: pensate con la vostra testa, tutto qui.

La gara di Matteo

Di seguito il video dell’esperienza di Matteo Valenza alla R-Ace 13 di Padova.

Buona visione e non dimenticarti di iscriverti al suo canale YouTube!

 

  • Condividi l'articolo:
0 Commenti
Aggiungi un commento
Commenta

Gli articoli del nostro Blog

vai al blog

Ecoverso R-Ace 15 – Ancona – 2 ottobre 2022

E’ bello sapere di non essere soli nella missione di diffondere la mobilità sostenibile.

L’1 e 2 ottobre la Ecoverso R-Ace sarà ad Ancona dagli amici di MaSMo, col giro ibrido/elettrico del Conero!

Ecoverso e Banca Etica: storia di una lunga collaborazione

Ecoverso ha da sempre il conto corrente dell’associazione prezzo Banca Etica e da poco abbiamo aggiunto per i nostri associati il servizio plus Ecoverso Finance, che da diritto ai finanziamenti a tassi agevolati. Abbiamo chiesto a Glenda Spiller dell’ufficio comunicazione di Banca Etica, di spiegarceli nel dettaglio.

Promuovere la mobilità sostenibile: il caso del Politecnico di Milano

Dal 2019 ogni anno il Politecnico di Milano ospita al proprio interno i corsi della Ecoverso Hybrid ed Electric Academy, riservati a personale, docenti, ricercatori e studenti.

Abbiamo chiesto ad Eleonora Perotto, mobility manager e capo del Servizio Sostenibilità di Ateneo e a Giada Messori, referente mobility management all’interno del Servizio Sostenibilità, come il Politecnico promuove la mobilità sostenibile e quali pensano possano essere gli scenari futuri.

Un parcheggio per il tuo viaggio

Estate, tempo di vacanze…

Quando viaggiamo per piacere o per lavoro, alle nostre amate auto ibride/elettriche potremmo preferire l’aereo, il treno o la nave.

In questi casi, alcuni di noi chiedono a un amico o a un parente di accompagnarli, mentre altri si appoggiano ai servizi dei parcheggi a lungo termine come quelli che ParkinGO offre agli associati Ecoverso.

A tal proposito abbiamo intervistato Silvio Cavallo, responsabile della comunicazione di ParkinGO.

Renault Megane E-Tech, Electric e Plug-In Hybrid: autonomia, consumi, ecoincentivi

La Renault Megane si rinnova, anche negli allestimenti. Conosciamo insieme le versioni E-Tech Plug-In Hybrid e E-Tech Electric, entrambe disponibili all’acquisto tramite i Gruppi d’Acquisto Ecoverso.